La sinistra, Berlusconi e i nuovi mostri

Silvio Berlusconi non sarà eletto alla massima carica dello Stato. Probabilmente è stato solo “un’arma di ricatto” del centro-destra o di altri, per ottenere qualcosa. Di sicuro non avrebbe, e ne conosciamo i motivi, le caratteristiche per aspirare al Colle. E’ però altrettanto sicuro che l’ex Cavaliere è meno opaco di quelle lobby, di quelle corporation, di quegli eurocrati e di quei tecno-magnati divenuti le nuove icone di una certa sinistra.

Rifletta, quella sinistra, su ciò in cui si è trasformata, abbandonano il meglio e trattenendo il peggio di sé.

Rifletta e recuperi quella coscienza autocritica cara al leninismo.

Rifletta, prima che sia troppo tardi (per lei), prima che la Storia e le urne le presentino il conto.

Rifletta, perché il compiaciuto autoreferenzialismo non salva dalla sconfitta, non aggiunge ma sottrae.

“Trattasi di improcrastinabili provvedimenti d’ordine congiunturale, troppo complessi per chi non conosca a fondo le leggi di mercato. A voi galline, il privilegio di inaugurare questa storica svolta, consegnando spontaneamente le uova. Il Compagno Napoleone è orgoglioso di voi e vi nomina benemerite” (George Orwell, “La fattoria degli animali”)

La sinistra e l’equivoco Bill Gates, tra tecno-capitalismo e morale protestante

“Ci siamo arresi alla seduzione dei techno-capitalisti figli del deserto: sperimentatori e altruisti, artisti innovativi, visionari che vogliono rendere il mondo un luogo migliore grazie alla tecnologia, venditori che regalano prodotti. Nessuno di costoro può essere un pericolo, dobbiamo aver pensato. Nessuno mette a rischio nulla. Lasciamoli fare”; in questo passaggio Zamperini* si riferisce soprattutto ai creatori dei grandi social network e a Steve Jobs e Jeff Bezos, tuttavia ci offre anche la chiave di lettura per capire un fenomeno altrimenti difficile da spiegare come l’ “infatuazione” di una certa sinistra per un imprenditore multimiliardario, un grande capitalista e un campione della cultura della competizione qual è Bill Gates.


Al pari dei “ragazzi” di Burning Man e molto prima di loro, pure il fondatore di Microsoft ha infatti giocato (sebbene non non manchi un substrato di verità) sull’immagine del “nerd” – cioè dell’outsider – ribelle, anticonvenzionale e venuto dal nulla, teorico della condivisione e critico del capitalismo (ricorderemo i commenti entusiasti sotto una foto che lo ritraeva vestito in modo del tutto anonimo mentre faceva la fila per un hot-dog).


Un’immagine che però non corrisponde e non potrebbe corrispondere alla realtà, non solo per lo status di Gates ma anche perché lui, come gli Zuckerberg, i Jobs, gli Anderson o i Bezos, sono la massima espressione di quello spirito individualista radicato nella cultura e nella storia degli USA fin da pionieri, individualismo rivolto al confronto che si fa lotta per imporsi (senza dubbio debitore della morale protestante), antitetico ad ogni approccio di tipo socialista e di cui fenomeni quali Burning Man sono, appunto, una tra le molte rappresentazioni.


Non è sbagliato dire che l’idea di certi agiografi di Bill Gates sia distorta come quella dei suoi “iconoclasti”, dei complottisti. Entrambi “girano il sugo”, convinti di aver afferrato la verità su di lui e sugli altri.




*Nicola Zamperini, “Manuale di disobbedienza digitale”



Viva Marx, viva Lenin…viva Bill Gates e Chiara Ferragni: come si cambia e quali sono le conseguenze

Non è la prima volta che una certa sinistra, italiana come internazionale, mostra un’ “infatuazione” per il multimiliardario Bill Gates. Volendo fare un esempio noto e anteriore al Covid, in un suo celebre e vendutissimo saggio del 2008 il prof Lakoff, di formazione socialista, lo presentava quale simbolo virtuoso, da un punto di vista civile e morale.

Un fenomeno che si spiega in ragione dell’imponente beneficenza fatta da questi personaggi (spesso interessata, perché almeno negli USA consente loro di avere detrazioni fiscali) ma che forse è anche il risultato di una strategia mirata di “personal branding”, concepita per guadagnare consenso presso settori storicamente ritenuti a loro distanti e potenzialmente ostili.

Il motivo della migrazione verso i populismi, anche di destra, di una fetta non trascurabile dell’elettorato di sinistra, sta anche qui; il cassintegrato, il precario, il cittadino delle periferie, i “neo-proletari”, si sono cioè sentiti abbandonati da leader, partiti e “compagni di viaggio” oggi orientati verso simboli ed esempi difficili da capire ed accettare.

Uno scollamento rispetto al “paese reale”, da cui altri hanno saputo trarre vantaggio e che ha in ultimo contribuito al rafforzamento di quel cliché che vede la sinistra elitaria ed autoreferenziale.