Perché Sanremo è Sanremo.Morettismi, controsensi e pinzillacchere

Dunque: vi si nota di più se guardate il Festival di Sanremo per criticarlo dal primo all’ultimo fotogramma o se non lo guardate per vantarvi di non averlo guardato? (stranamente, gli appartenenti a quest’ultima categoria dimostrano di conoscere a memoria ogni nota di questa o di quella canzone e sanno financo di che colore fosse lo smalto sulle dita dei piedi della starlette di turno).

Puntuali, prevedibili ma tutto sommato rassicuranti, un po’ come i Babbi Natale appiccicati ai balconi a dicembre oppure le bufale su Cécile Kyenge.

Secondo i sociologi Bathkin, Bordieu e King, era convinzione delle “élites” che che i generi culturali, di svago e di intrattenimento a loro rivolti e da loro concepiti fossero “migliori” rispetto a quelli studiati per le masse, e questo perché più elaborati e costosi. Manifestazione di massa e per la massa, il Festival di Sanremo stride quindi con la visione esclusiva, esclusivista ed autoemarginante di chi ritiene di far parte di una segmento ristretto di privilegiati sul piano intellettivo e culturale. Si tratta ad ogni modo di una visione miope e claustrofobica, perché non c’è dubbio che la kermesse ligure (unica nel suo genere) rappresenti ed abbia rappresentato un nodo ed uno snodo fondamentale nel percorso recente del costume e della cultura di questo Paese; dal palco dell’ Ariston sono passati infatti artisti che hanno segnato la storia della canzone (italiana e non italiana) ed il palco dell’ Ariston è un album fotografico che illustra e racconta l’evoluzione del vivere italiano come e meglio di molti libri di storia o di sociologia.

A differenza dell’ostracismo verso generi quali il “Cinepanettone” oppure il “Poliziottesco all’italiana”, l’egocentrico ed aprioristico snobismo antisanremese riesce a mettere d’accordo soggetti di destra e di sinistra, in un vortice di banale ottusità che li accomuna concettualmente a chi, a suo tempo, alzava le spalle davanti alla commedia oppure al romanzo.

Fazio, chi ti paga? Gli inserzionisti. Anatomia di una leggenda populista


Ed anche quest’anno, con l’inesorabile puntualità di un’ingiunzione di pagamento, arriva la polemica sui cachet di presentatori ed ospiti del Festival di Sanremo . Il “masscult” confezionato dalla propaganda che fa della semplificazione la sua arma vincente, vorrebbe infatti che i compensi destinati a Fazio, Littizzetto , Casta e via discorrendo provengano dai soldi del Canone, quindi dalle nostre tasche, per usare un’espressione cara al ventralismo più modaiolo. Ma è davvero così? No, non proprio. Anzi, niente affatto. Manifestazione storicamente di grande successo con medie di milioni e milioni di telespettatori ogni sera, il Festival della Canzone Italiana attira infatti l’interesse dei grandi inserzionisti, disposti a sborsare cifre da capogiro per vedere i loro marchi inseriti negli spazi della kermesse.E’ da questi introiti che la RAI prende le risorse per gli ingaggi delle sue “vedette”, esattamente come fece con Grillo nel 1978, nel 1988 e nel 1989 (nell’edizione del 1989, l’attuale leader pentastellato percepì ben 350 milioni delle vecchie lire, circa 392.000 euro attuali).

Andando più nel dettaglio, i ricavi dai pacchetti pubblicitari ammonteranno quest’anno a ben 20 milioni e 200mila euro, ai quali vanno aggiunti 600mila euro di ricavi RAI dalla vendita dei biglietti. A fronte di un costo totale di 11 milioni di euro (comprendenti i cachet), più 7 milioni di convenzione con il comune di Sanremo, avremo quindi un attivo di circa 2, 8 milioni di euro.

Un inciso: una certa memorialistica vuole Grillo ostracizzato da Viale Mazzini per una battuta sul Partito Socialista Italiano. L’episodio in questione risale al 1986 (Fantastico 7) e l’anno successivo il comico presenziò al Festival di Sanremo.