Gates, i visionari del 2.0, il Covid e la “nuova normalità”: le ragioni del dubbio

Il coinvolgimento, immediato e massiccio, di Bill Gates nell’emergenza Covid, può forse indurre una qualche preoccupazione, una qualche perplessità. Non perché si debba temere che il co-fondatore di Microsoft usi questa crisi per impiantare dei microchip nelle nostre teste o per arricchirsi ancora di più co i vaccini od altro (le techno-corporation sono comunque tra i massimi beneficiari della situazione pandemica odierna) ma per una ragione molto meno prosaica, più profonda e, in linea teorica, più preoccupante.

Uomini come lui non sono infatti “semplici” imprenditori informatici o “semplici” manager del web, ma istrioni, visionari eccentrici e “filosofi”, “nerd” geniali artefici e discepoli allo stesso tempo di un pensiero che è un intreccio tra il new age, l’orientalismo, il determinismo tecnologico, l’ecologismo, l’etica del lavoro protestante e l’anarchisimo, e di cui Burning Man è ad esempio una delle massime espressioni.
Uomini che coltivano l’idea e il sogno di un mondo “nuovo”, più sostenibile e il più possibile libero dalle insidie vecchie e nuove, fondato su nuove e strabilianti dinamiche sociali e dove la tecnica avrà/avrebbe un ruolo di assoluto dominio, non solo da un punto di vista economico e lavorativo. E, d’altro canto, la costruzione di un mondo “nuovo”, secondo alcune di queste linee di indirizzo, è proprio uno degli scopi della “Bill & Melinda Gates Foundation” (in tema di insidie, le epidemie/pandemie sono da sempre una delle più grandi ansie del Gates).

E’ dunque lecito pensare che lui e ad altri grandi nomi delle nuove techno-corporation stiano cercando di cogliere la palla al balzo per dar seguito alle loro ambizioni più ardite e visionarie? Forse no, sebbene certi riferimenti, continui e martellanti, ad una “nuova normalità”, a cambi di rotta e alla sopravvivenza, anche nel mondo post-Covid, di alcune regole e abitudini d’emergenza (si pensi proprio allo smart working), lascino qualche interrogativo in sospeso.

Quale sia la verità, il ruolo di certi Attori nella fase attuale meriterà senza dubbio un approfondimento, un lavoro di scavo che metta da parte ogni stimolo preconcetto per armarsi del distacco razionale, tipico dello storico e del buon cronista. È infatti bene ricordare che una “cospirazione” può, per essere tale, anche andare dalla M alla N, non deve necessariamente andare dalla A alla Z. Può, cioè, essere un intervento isolato ed esterno, in corso d’opera, quando l’opera è ideata e gestita da un soggetto diverso oppure è frutto del caso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...