La scuola in sciopero: perché l’unico vincitore sarà (ancora una volta) Matteo Renzi

renzi_italia_europa-640x400Ostile alle iniziative di piazza, l’ “everyman” nazionale tende a rispondere con un’insofferenza ancor più accentuata alle protese dei lavoratori della scuola e degli studenti. Alla base di questo atteggiamento, un ventaglio di fattori, diversi e di diversa natura ma sinergici:


-la fisionomia politico-ideologica dell’italiano “medio”, tendenzialmente conservatrice, contrapposta a quella, essenzialmente progressista, dei collettivi e delle associazioni di studenti e professori

– la convinzione che i docenti appartengano ad una classe privilegiata, in virtù del maggior numero di giorni di riposo e del minor numero di ore di lavoro rispetto ad altre categorie

– la percezione di un abuso dello strumento del dissenso da parte di studenti e professori

– la sottovalutazione delle esigenze e delle problematiche dello studente, spesso considerate come un capriccio giovanile o, peggio ancora, una scusa per saltare le lezioni

Qui riposano le motivazioni, politiche e sociali, che fanno impattare la protesta contro il biasimo collettivo, producendo come unico risultato, evidente e tangibile, l’irrobustimento della leadership di turno a danno delle rivendicazioni per l’istruzione e dell’istruzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...