Appunti di storia. “Signor Andropov, Dio ha creato il mondo per noi, per vivere insieme in pace e non per combattere”.Samantha Smith, la bambina di 10 anni che non voleva la Terza Guerra Mondiale.

All’alba degli anni ’80 del secolo scorso, il mondo si trovava nel pieno di quella che gli storiografi chiamano “Seconda Guerra Fredda”, ovvero il periodo che va dall’invasione sovietica dell’Afghanistan (1979) all’elezione di Michail Sergeevič Gorbačëv alla carica di Segretario generale del Partito Comunista dell’Unione Sovietica (1985). I rapporti erano dunque particolarmente tesi, tra i due blocchi, e la “détente” di memoria nixoniana sembrava ormai un ricordo lontano e sbiadito.

Ronald Reagan, succeduto nel 1981 a Jimmy Carter alla Casa Bianca, aveva deciso una grandiosa politica di riarmo e la contestuale realizzazione di uno “scudo stellare” (SDI), così da riaffermare la supremazia americana e occidentale nel mondo dopo i difficili anni ’70, mentre l’operazione NATO “Able Archer 83” (Abile Arciere 83), concepita per testare la forza del dispositivi di reazione sovietici, aveva spinto l’umanità sull’orlo del baratro, forse più di quanto avvenuto nel 1962.

Il cinema, intanto, raccontava quel momento tanto delicato attraverso film come “The day after” e “War games”, proiezioni immaginifiche del timore collettivo per un armageddon

Tra chi aveva paura della distruzione totale, un bambina americana di 10 anni, Samantha Smith, che nel 1982 decise di scrivere all’allora Segretario generale del Partito comunista dell’Unione Sovietica , Jurij Vladimirovič Andropov, per rivolgergli un appello di pace:

Caro Sig. Andropov,
Mi chiamo Samantha Smith. E ho dieci anni. Congratulazioni per il vostro nuovo incarico. Sono preoccupata per una possibile guerra nucleare tra Russia e Stati Uniti. Avete intenzione di votare per fare una guerra o no? Se non volete, ditemi per favore come farete per evitare che ci sia una guerra. A questa domanda potete non rispondere, ma mi piacerebbe sapere perché volete conquistare il mondo o almeno il nostro paese. Dio ha creato il mondo per noi, per vivere insieme in pace e non per combattere.

Sinceramente,

“Samantha Smith”
Samantha Smith

“Io ci provo. Ma non risponderà mai”, avrà pensato la piccola Samantha. E invece, chi lo avrebbe mai detto, quell’uomo potente e impegnato le rispose:

Cara Samantha,
Ho ricevuto la tua lettera, che somiglia a molte altre che mi sono arrivate di recente dal tuo paese e da altri paesi di tutto il mondo.

Mi sembra – da quello che posso leggere nella tua lettera – che tu sia una ragazzina coraggiosa e onesta, simile a Becky, l’amica di Tom Sawyer nel famoso libro del tuo compatriota Mark Twain. Questo libro è molto conosciuto e amato nel nostro paese da tutti i ragazzi e le ragazze.

Hai scritto di essere preoccupata circa la possibilità che ci sia una guerra nucleare tra i nostri due paesi. E hai chiesto se stiamo facendo qualcosa per evitare che questa guerra scoppi.

La tua domanda è la più importante tra tutte quelle che ogni uomo pensante possa mai porre. Ti risponderò con serietà e onestà.

Sì, Samantha, noi nell’Unione Sovietica stiamo tentando di fare tutto il possibile perché non ci siano guerre sulla Terra. Questo è ciò che ogni sovietico vuole. Ciò che il grande fondatore del nostro stato, Vladimir Lenin, ci ha insegnato.

Il popolo sovietico sa quale cosa terribile possa essere una guerra. Quarantadue anni fa la Germania nazista, che mirava alla supremazia su tutto il mondo, attaccò il nostro paese, bruciò e distrusse molte migliaia delle nostre città e villaggi, uccise milioni di uomini sovietici, donne e bambini.

In questa guerra, che terminò con la nostra vittoria, noi eravamo alleati con gli Stati Uniti: insieme lottammo per la liberazione di molte persone dagli invasori nazisti.

Spero tu sappia tutto questo grazie alle lezioni di storia della tua scuola. Oggi desideriamo molto vivere in pace, commerciare e cooperare con tutti i nostri vicini su questa Terra – che siano vicini o lontani. E certamente anche con un grande paese come gli Stati Uniti d’America.

In America e nel nostro paese ci sono armi nucleari – armi terribili che possono uccidere milioni di persone in un istante. Ma vogliamo che non vengano mai usate.

Ed è precisamente questo il motivo per cui l’Unione Sovietica ha dichiarato solennemente al mondo intero che mai – mai – userà queste armi per prima contro qualsiasi altro paese. In generale noi proponiamo di interrompere la loro produzione e di procedere all’abolizione di tutte le riserve sulla Terra.

Mi sembra che questa sia una risposta sufficiente alla tua seconda domanda: “perché volete fare la guerra al mondo intero o perlomeno al nostro paese?” Noi non vogliamo fare niente del genere. Nessuno nel nostro paese – né i lavoratori o i contadini, gli scrittori o i dottori, né gli adulti o i bambini, né i membri del governo – desidera una grande o “piccola” guerra.

Noi vogliamo la pace – siamo occupati in altre cose: far crescere il frumento, costruire e inventare, scrivere libri e volare nello spazio. Noi vogliamo la pace per noi stessi e per tutti i popoli del pianeta. Per i nostri figli e per te, Samantha.

Ti invito, se i tuoi genitori saranno d’accordo, a venire in visita nel nostro paese, il momento migliore sarebbe questa estate. Scoprirai il nostro paese, incontrerai i tuoi coetanei, visiterai un campo internazionale per bambini – “Artek” – sul mare. E vedrai con i tuoi occhi: nell’Unione Sovietica, ognuno è per la pace e l’amicizia tra i popoli.

Grazie per la tua lettera. Ti auguro tutto il meglio per la tua giovane vita.
“Y. Andropov”

E così, Il 7 luglio del 1983, Samantha partì per l’URSS, dove soggiornò con i suoi genitori per due settimane, ospite di Andropov. Seguita da giornalisti e fotografi, visitò Mosca, Leningrado e trascorse del tempo ad Artek (oggi nell’Ucraina) in uno dei principali campeggi del paese, insieme ai “Pionieri”, gli omologhi sovietici dei nostri scout, preferendo al compagnia dei bambini russi all’alloggio che le era stato riservato. Parlando a una conferenza stampa a Mosca, disse che i russi erano «proprio come noi», scatenando le ovazioni dei presenti.

Tornata in patria, fu accolta come un’eroina, anche se non mancarono le polemiche (specialmente da parte repubblicana) per aver umanizzato “L’impero del male”.

In seguito, intervistò ed incontrò uomini politici, ministri e primi ministri di tutto il mondo, e prese parte ad iniziative per la pace, diffondendo il suo messaggio e la sua esperienza.

Samantha Smith sarebbe morta due anni dopo, a soli 13 anni, in un incidente areo. Stava rientrando in USA dopo un altro viaggio all’estero, nel quale aveva raccontato la sua storia come ambasciatrice per la pace e girato un film. Con lei morirono anche il papà, due membri dell’equipaggio ed altri quattro passeggeri..

L’Unione Sovietica dedicò alla sua memoria una serie di francobolli, un vascello ed un asteroide, mentre il Maine, Stato della bambina, le dedicò il primo lunedì di giugno di ogni anno, una statua e il dormitorio di un college. Lo stato di Washington le ha intitolato invece una scuola elementare.

Samantha Smith ricordo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...