Mosca e gli errori di calcolo: miscalculation

Agli inizi della Guerra Fredda comparve e si fece strada nel linguaggio militare il termine “miscalculation”, per indicare uno scenario che vedeva uno scontro aperto tra i blocchi dovuto ad un errore di valutazione dei sovietici i quali non avevano previsto la reazione statunitense e occidentale.

Per far fronte ad una simile eventualità, e temendo un collasso repentino della linea di difesa (ad esempio al Fulda Gap o Breccia di Fulda), Washington studiò i piani Pincher (giugno 1946), Brolier-Frolic (agosto 1947), Grabber (marzo 1948), Crankshaff (maggio 1948) e Fleetwood (maggio 1948), tutti basati su un massiccio ricorso all’opzione nucleare contro le infrastrutture e le città sovietiche.

Il piano Fleetwood, in particolare, prevedeva l’impiego dell’intero arsenale nucleare americano in una volta sola e contro i centri abitati dell’URSS.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...