Il declino del M5S e quel “dentro-ma-contro” destinato a fallire

Se la strategia del “dentro-ma-contro” poteva funzionare con il Berlusconi del governo Monti, non funziona e non funzionerà con il Conte del governo Draghi.

L’ex Cavaliere poteva infatti contare su un elettorato ideologizzato ma allo stesso tempo lasseferista*, mentre quello al M5S era (e per certi versi è ancora) un voto di protesta, di un elettorato esigente e vigile, liquido e in parte espressione del civismo e della società civile.

Dirsi ad esempio contro l’invio di armi a Kiev e poi fare l’opposto in parlamento per calcolo politico, espone quindi l’ “avvocato del popolo” ad una contraddizione che l’elettore e l’ex elettore/militante pentastellato medio non possono tollerare e perdonare.

Se il M5S non è stato in grado di cogliere un’occasione di rilancio nemmeno da un evento eccezionale e destabilizzante come la guerra ucraino-russa, è difficile riesca a recuperare il terreno perduto in futuro. E’ invece probabile che il cronicizzarsi della tendenza declinante sfoci in una scissone di ampia portata e decisiva.

*nonché su un’abilità comunicativa e su una forza mediatica che Conte non ha

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...