Il Covid, la crisi e quell’empatia intermittente

La comprensione e l’empatia verso un clandestino che delinque non sono di per sé qualcosa di sbagliato. Anzi. Se però un attimo dopo ci si mostra cinici o indfferenti nei confronti di un barista o di un ristoratore di provincia messi in ginocchio dalle restrizioni (spesso inutili o dannose), magari accusandoli di essere dei fascisti (!), dei sovversivi e degli evasori, allora si è prigionieri di un fanatismo brutale ed ottuso, di una visione superata e sconclusionata dei rapporti produttivi e di classe. E una parte politica che si comporta in questo modo non può sopravvivere, perché fuori dalla Storia, dalla logica, dalla realtà dei popoli e dal buonsenso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...