Covid: quel poco equilibrio degli “esperti”

Nel momento in cui un medico, uno scienziato, un divulgatore scientifico o un rappresentante delle istituzioni elaborano e diffondono previsioni sul medio-lungo periodo e senza dati concreti su un virus ancora non molto conosciuto come il Covid-19, stanno facendo dell’opinionismo. Magari “di prestigio”, ma pur sempre semplice opinionismo.

Per questo, anche per questo, dovrebbero cercare di essere il più cauti e prudenti possibile, nella forma e nella sostanza, evitando estremizzazioni e termini forti, sia che stiano immaginando uno scenario positivo sia che ne stiano immaginando uno negativo (come hanno fatto e stanno facendo nella maggior parte dei casi).

In gioco, lo ripetiamo, non c’è solo la loro credibilità, peraltro già compromessa, ma anche la salute psicologica dei cittadini, della Nazione.

Nota: nel frattempo Andrea Crisanti (il più attivo sui media da febbraio) sta continuando a sollevare dubbi sui vaccini anti-Covid. Lo ha fatto ad esempio pure ieri sera, nel corso di un programma RAI. Errare è umano ma perseverare meriterebbe forse un approfondimento della Magistratura italiana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...