Virus e vanità

Perché, vedete, al di là dei vantaggi (reali o presunti) economici, professionali e personali derivati da questa situazione, al di là dei conflitti di interesse (reali o presunti), a pesare c’è anche la più classica, e se vogliamo comprensibile, delle umane debolezze: la vanità. Da semi-sconosciuti “topi” di laboratorio e corsia si sono trasformati in “vip”, visibili e ammirati, fermati per strada, acclamati al bar e al ristorante: “Professore, l’ho vista ieri dalla D’Urso! Ah, com’è intelligente, lei!”…”Professore, l’ho vista ieri a Porta a Porta. Eh, lei è il più chiaro di tutti!”…”Dottore, l’ho sentita ieri al Tg1. Lei ci ha salvati!”. I loro contatti sui social centuplicano, come i like ai loro post, ecc, ecc. Naturalmente non si augurano che la pandemia duri in eterno (sarebbero dei criminali) ma sanno che la sua fine, che è forse non lontana, li riporterebbe e li riporterà alla vita di prima. E questo, almeno a livello inconscio, forse li condiziona e fa dire loro cose imprudenti e azzardate, li rende nervosi. È umano… purché non si vada troppo oltre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...