La stazione, il noir, l’underground..

Una stazione avvolta nella nebbia, il gelo appollaiato sull’aria. Il piccolo inferno che si apre, a poco a poco, come un formicaio; il clochard che cerca di rubare una cena forzando la macchinetta, il clandestino con il fisico da pugile e il giaciglio di cartone, gli agenti con i guanti e la calibro 9, l’uomo qualunque in attesa, quello che cerca di sfuggire alla telecamera e quello che ha voglia di fare a pugni. La notte è anche questo, in alcuni lembi di realtà

Intanto, da qualche altra parte, una mamma dedica una lettera ai suoi bambini…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...