Nikolaj Vasil’evič Ogarkov: l’uomo che previde la guerra “moderna”

Veterano della II Guerra Mondiale e Maresciallo dell’Unione Sovietica dal 1977 al 1984 quando fu improvvisamente messo da parte, Nikolaj Vasil’evič Ogarkov (1917-1994) comprese con due decenni di anticipo l’importanza, anche in ambito militare, dell’informatica. Ma non solo.

Consapevole del ritardo del suo esercito rispetto a quello americano e a quelli della NATO, il “groznyi soldat” (il “soldato formidabile”), questo il suo soprannome, pensò ad un approccio nuovo, in cui i moderni strumenti dell’infosfera avrebbero dovuto accompagnarsi ad una radicale ristrutturazione dell’Armata Rossa con la messa in campo di unità più snelle, più piccole e più dinamiche.

Precorrendo i tempi e colleghi come Gerasimov, Čekinov, Bogdanov e Šojgu, Ogarkov era in un certo senso già negli anni 2000, alle 4WG-5WG, alle info war, alle guerre ibride e grigie. Secondo alcuni storici, fu proprio per questo motivo che i vecchi e miopi “apparatčik” decisero di silurarlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...