Il Covid e quegli amici “a corrente alternata” degli Ebrei

Giampaolo Pansa diceva che, per taluni, l’unico ebreo buono è quello morto. Una provocazione, senza dubbio molto forte, con cui il giornalista e scrittore di Casale Monferrato intendeva denunciare l’ipocrisia di chi ricorda la Shoah solo in maniera strumentale, per poi attaccare a prescindere lo Stato d’Israele, gli Ebrei e i loro amici e alleati.

Paragonare il Green Pass alla Stella di Davide imposta dai nazisti è anti-storico e fuori luogo, ma è altrettanto fuori luogo, e oltremodo ipocrita, che a scandalizzarsi siano certi personaggi, siano certe aree della politica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...