Due amiche, il Covid e la propaganda

In questi giorni è uscito un servizio su due amiche molto anziane, ricoverate per il Covid e poi guarite. Amiche da sempre, veniva detto, separate solo una volta: adesso e dal virus.

Servizi come questo vanno al di là della semplice informazione e rappresentano un sistema propagandistico molto più raffinato di quelli basati sul consueto utilizzo di storie ad elevato impatto emotivo.

Si cerca infatti di sottolineare una presunta eccezionalità/diversità del Covid, in grado, nel caso di specie, di fare ciò di cui nemmeno l’intero Novecento, con tutto il suo imponderabile carico di tragedie, è stato capace (appunto tenere lontane le due donne).

Una forma di propaganda che forse può essere fatta rientrare in quella “sociologica”, per stravolgere e ricostruire i meccanismi percettivi della comunità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...