Covid. Anniversari: ricordi disperati e strumenti della disperazione

L’anniversario del primo “lockdown” (il più rigido a memoria d’uomo), l’avvicinarsi di quello dei “camion di Bergamo” (episodio che sarà certamente approfondito in futuro) e il superamento della soglia psicologica dei centomila morti (anche i criteri di conteggio dei decessi saranno oggetto di indagini e approfondimenti) arrivano a dare manforte alla narrazione “mainstream”, da dicembre imperniata solo su tema “varianti” ormai a rischio usura.

L’impressione, nonostante la forza immaginifica e propagandistica di questi escamotage, è che all’ “ultimo miglio” sia arrivato un certo storytelling , sempre più a corto di risorse potenziali, capacità persuasiva e credibilità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...