La comunicazione ansiogena e il rischio delle quarantene auto-imposte

ansia cronavirusOgni scelta comunicativa e propagandistica è capace di tramutarsi in un’arma a doppio taglio, sia per il mittente che per il suo target. Un ‘incognita, questa, che i professionisti del settore conoscono bene.

Il martellamento ansiogeno degli ultimi mesi (veicolato dai media come da certi settori del mondo istituzionale e politico per vari e differenti motivi) potrebbe determinare, anche nella fase successiva il “lockdown”, una sorta di blocco spontaneo. Una parte della popolazione, intossicata dalla paura, potrebbe cioè continuare il proprio auto-isolamento, compromettendo così anche il rilancio economico della Nazione.

Un effetto paradosso che non può e non deve essere annoverato tra i rischi calcolati, in quanto potenzialmente dannosissimo e devastante.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...