Da Pasolini a Camilleri: quel fango “nero” che sporca ma non lascia traccia

camilleri975Le offese dei lettori di “Libero” e “Il Giornale” a Camilleri ribadiscono, ancora una volta, il carattere trasversale dell’ottusità che non riesce superare gli steccati della contrapposizione politica e ideologica per riconoscere il talento, nel caso di specie universale, di un artista.

Carattere trasversale, nonostante una certa destra sia riuscita a fare associare questa tendenza soprattutto alla sinistra, mentre ha sempre dato prova dello stesso “vulnus”, della stessa aberrazione. Si pensi, ad esempio, all’atteggiamento verso personaggi quali Pasolini, Guttuso, Fo o Benigni, geni assoluti demonizzati solo perché di sinistra o comunisti, per non parlare delle aggressioni ad un personaggio del calibro di Rita Levi-Montalcini, “colpevole” soltanto di aver votato più volte la fiducia al governo Prodi II.

Anche in questa circostanza, la destra italiana (una sua parte) si dimostra quindi prigioniera di un gioco delle parti nella sua declinazione più miope e truculenta, come la sinistra (una sua parte); non vittima inoffensiva, non più aperta, ma uguale, se non peggiore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...